Paedagogica - Sito pedagogico-didattico dell'U.S.P. di Forlì-Cesena » U.S.P. di
Forlì-Cesena

Novità
   HOME    NOVITA'    EDITORIALE    FONDAZIONI    DIDATTICA    PROGETTI  

Introduzione
Rivista numero 1
Rivista numero 0
Articoli anno 2018
Articoli anno 2017
Articoli anno 2016
Articoli anno 2015
Articoli anno 2014
Articoli anno 2013
Articoli anno 2012
Articoli anno 2011
Articoli anno 2010
Articoli anno 2009
Articoli anno 2008
Articoli anno 2007
Articoli anno 2006
Articoli anno 2005
Articoli anno 2004
Articoli anno 2003
 

Cerca nel sito:
Accessibilità
Link utili
Redazione
Mappa del sito
Login
Credits





Sezione Novità


Auguri per il 2006 ... e, se non tutto si avverasse, per gli anni a venire
Ispettore Gabriele Boselli

A tutti noi

Auguri per il 2006 L’anno si chiude, per la nostra Patria, per le nostre province e per la scuola, su toni di diffusa preoccupazione. Non è la prima volta e c’è chi teme che in futuro la percezione della china possa accrescersi.
Chi ha scelto per la vita la missione docente (siamo tutti essenzialmente insegnanti, alcuni di noi con compiti aggiuntivi di direzione, ispezione, amministrazione o altro) ha il dovere della speranza; non può rassegnarsi al declino e deve pensare che i giorni venturi siano migliori, a partire dall’anno che viene. Le stesse onde di pressione, le oscillazioni e le non linearità che ci preoccupano creeranno ancora spazi per la cultura, l’economia, la politica, le istituzioni e i soggetti eticamente e pedagogicamente motivati.
Tra i punti di speranza per il prossimo cammino metterei in evidenza i seguenti.

---Nel mondo si vanno per fortuna addensando i vettori, i tensori che con ampie e non lineari escursioni di potenza poco prevedibilmente ridisegneranno il mondo. Ciò (evoluzioni dell’economia, processi migratori, innovazioni nella scienza) non va visto come una minaccia ma come una pulsione di eventi che apre ai soggetti culturali autentici e all’attività pedagogica tradizionale (il “mettere in via” seguendo costellazioni culturali) spazi per poter influire significativamente.

---Come tanti altri elementi dell’universo, anche il pensiero umano ha i suoi cicli, i momenti in cui la contrazione sul presente vince sulla pro-tensione, cui seguono altri di puro volare: penso all’età dei grandi poemi arcaici, l’età di Platone, l’età romantica, il primo Novecento di Plank, Einstein, Heisenberg, Husserl, Gentile, Heidegger. Da questo ultimo grande periodo è ormai passato un secolo; il giorno del nuovo volo verrà, e forse è vicino.

---La pedagogia ritrovi centralità e, in quanto scienza dell’invito al conoscere, prepari chi dovrà volare a guardarsi, volgere lo sguardo oltre l’orizzonte di ciò che è al momento in auge, leggere le mappe, rafforzare le ali, avere il coraggio di un distacco dalla superficie degli eventi.

---I governi e molte altre istituzioni appartengono alla cronaca, la scuola all’intera Storia d’Occidente. La scuola e l’università sono la Cultura e quelle dell’Emilia-Romagna –checchè interessate organizzazioni cerchino di far credere- sono tra le migliori del mondo.
Certo, occorre migliorare ulteriormente dando luogo a una proposta pedagogica che abbia piena memoria dei suoi tre millenni e che su queste basi metta in moto il pensiero, all’interno delle aule e ovunque. Dalle nostre cattedre, verso gli alunni e l’intera società, promuoveremo un pensiero-in-relazione autonomo, ospitale, attivato da una didattica non astraente ma attraversante, ironica, giocosa, reinventiva dei connettori logici e non-logici, creativa di codici di intervento efficace perché consapevole delle radici e delle possibili gamme di senso.

---Missione del Maestro (tutti noi) è alimentare nelle nuove generazioni di europei d’Italia la speranza di poter essere protagoniste non di un declino ma di un mondo in ascesa; come pure aiutar a intravedere e possibilmente avvertire ciò che si estende oltre il visibile.

A ciascuno

Auguro salute e tranquillità economica. Ma anche di giocare e ri-creare il mondo attraverso il pensiero, di avere sempre di che riscaldare il cuore e luoghi amici ove raccogliersi in pace. Che illuminiate di voi la casa, la scuola, il mondo e l'anima di chi vi vuol bene; e un pò anche il corpo, che anche grazie alle tagliatelle e al vino tra Savignano e Parma se l’è sempre passata bene e bene continuerà a stare. La piadina (con lo strutto) ve la faccio io a Santarcangelo e ve la porterò in occasione di qualche visita ispettiva.

Che (anche) nel prossimo anno qualcuno, a casa e a scuola, vi pensi e ne sia pensato. V'auguro giorni di luce intensa e, la notte, stelle guardate in compagnia.

Gabriele Boselli, ispettore dell’istruzione in provincia di Forlì e Parma


Dalle Romagne, 6 Dicembre 2005


» Documenti allegati:
   Documento allegato ... Auguri per il 2006

Sezione: Novità
Sottosezione: Varie
Scritto da: Gabriele Boselli
Inserito il: 12/12/2005

Stampa ... Versione per la stampa



18/03/2019
Visitatori: 1142211
   HOME    NOVITA'    EDITORIALE    FONDAZIONI    DIDATTICA    PROGETTI