Paedagogica - Sito pedagogico-didattico dell'U.S.P. di Forlì-Cesena » U.S.P. di
Forlì-Cesena

Novità
   HOME    NOVITA'    EDITORIALE    FONDAZIONI    DIDATTICA    PROGETTI  

Introduzione
Rivista numero 1
Rivista numero 0
Articoli anno 2018
Articoli anno 2017
Articoli anno 2016
Articoli anno 2015
Articoli anno 2014
Articoli anno 2013
Articoli anno 2012
Articoli anno 2011
Articoli anno 2010
Articoli anno 2009
Articoli anno 2008
Articoli anno 2007
Articoli anno 2006
Articoli anno 2005
Articoli anno 2004
Articoli anno 2003
 

Cerca nel sito:
Accessibilità
Link utili
Redazione
Mappa del sito
Login
Credits





Sezione Novità


Bruno Bartoletti, E’ sempre lunedì, Youcanprint, Tricase, 2017
Il libro di un vero Preside, un Maestro



Il bel libro di Bruno Bartoletti è la storia di un vero Maestro, di una vita spesa per la cultura, per i ragazzi, per l’educazione. Ma è anche la cronaca di una scuola, delle sue attuali prospettive, nel contempo difficili e luminose, vista da uno dei suoi dirigenti; uno dei più colti e appassionati che abbia io avuto modo di conoscere come ispettore e provveditore agli studi.

Il testo costituisce una testimonianza di un’esperienza fortemente innovativa, di un Preside che per ben 19 anni ha guidato l’Istituto “R.Molari” di Santarcangelo introducendo e consolidando una visione unitaria della conoscenza. Ha innestato nella formazione tecnica la cura della poesia nell’intento di armonizzare le due anime della nostra cultura. L’esperienza professionale è diventata investimento e dono di sé, proposta, riflessione offerta agli studenti, agli insegnanti, al territorio. Il libro alterna documenti istituzionali a pagine di vita, a riflessioni sul senso dell’educare sempre guidato dalla passione per lo studio, la poesia, i libri.

Senza libri, ci dice B., non c’è futuro; non a caso negli Stati non democratici i libri più significativi vengono bruciati. Citando George Steiner, B. sottolinea come tale comportamento sia atto vile ma deliberato e consapevole quello compiuto da chi distrugge i libri mortifica o uccide sulla carta e talvolta anche nel corpo i poeti. Il potere allo stato puro (potere-su), vuole solo dei cantori e nella sua perversità odia la “concorrenza” dei libri e della scuola di più alto profilo. Tutto il volume rimarca infatti il potere lieve e non immediato ma profondo del libro e dunque della cultura, della conoscenza.
“L’ignoranza è una mala pianta che produce cattivi frutti”, per questo ci sono le Scuole, proprio per combattere l’ignoranza, l’indifferenza, la smemoratezza. Per additare il primato morale della carta nel tempo del flusso senza limiti degli elettroni governato dai grandi imperi informatici.

La Scuola è stata ben rappresentata da questo Preside cui non è mai piaciuto il termine dirigente; di un uomo mite, gentile, di grande levatura umana e culturale per il quale anche essendo in pensione, e’ sempre lunedi e continua nel suo magistero organizzando dalla sua amata Montetiffi importanti ricerche e convegni culturali.


Sezione: Novità
Sottosezione: Varie
Scritto da: Agostina Melucci
Inserito il: 06/01/2018

Stampa ... Versione per la stampa



20/02/2019
Visitatori: 1139374
   HOME    NOVITA'    EDITORIALE    FONDAZIONI    DIDATTICA    PROGETTI